Tu sei qui: Home / Specie / 162

Saccostrea cucullata

classificazione
RegnoAnimalia
PhylumMollusca
ClasseBivalvia
SottoclassePteriomorphia
OrdineOstreoida
SottofamigliaOstreoidea
FamigliaOstreidae
SottofamigliaCrassostreinae
GenereSaccostrea

dettagli specie su WoRMS

vista specie sulla mappa

Definizione

Saccostrea cucullata
Ostrea orskali "Chemnitz": Moazzo, 1939 Ostrea forskali Gmelin, 1791: Tillier & Bavay, 1905

Descrizione

Presenta il margine delle valve con crenulazioni lungo l'intero perimetro. La crenulazione del margine della valva destra è costituita da tubercoli robusti e prominenti e quella della valva sinistra da profonde fossette. La superficie esterna della valva sinistra presenta costolature nodulose separate da ampi solchi. Nella valva destra queste costolature sono solo accennate o assenti, mentre risultano evidenti le lamelle fogliari. L'impronta muscolare è sempre ben evidenziata. Differisce dal genere Crassostrea per la presenza delle crenulature lungo il margine delle valve e dal genere Ostrea in cui le crenulature sono limitate al margine anteriore vicino alla cerniera.
La colorazione esterna della conchiglia è porpora-brunastro. Internamente si presenta di colore bianco.
Larve pelagiche.
Senza dati.
Sospensivoro molto attivo. La conchiglia spesso funge da substrato per altre specie di alghe ed invertebrati epibionti, anche non indigene, che possono essere introdotte accidentalmente.

Habitat

E' presente lungo gli estuari australiani ed in particolare nel Nuovo Galles del sud. L'habitat nella zona di provenienza è la zona intertidale delle scogliere. In Mediterraneo vive attaccata alle rocce o massi.
Sconosciute.

Distribuzione

Circumtropicale, Mediterraneo: Italia, Turchia.
Oceano Pacifico.
1984, laguna di Venezia, Adriatico (Cesari and Pelizzato, 1985 come Saccostrea commercialis).
1984, laguna di Venezia, Adriatico (Cesari and Pelizzato, 1985 come Saccostrea commercialis).
Acquacoltura. Introduzione intenzionale di individui nella zona di Chioggia (bacino meridionale della laguna veneta) per prove di allevamento.
Established.
Alta adattabilità alla variabilità delle condizioni ambientali. In Adriatico l'acclimatazione di questa specie non è risultata stabile dato che da alcuni anni non vengono raccolti esemplari.

Impatti

S. cucullata riveste un notevole interesse economico nelle aree di provenienza. La sua acclimatazione in Laguna di Venezia non comporta per il momento alcun riflesso economico in quanto poco conosciuta al mercato locale.

Riferimenti

01/nov/11
Dr. Gianfranco Scotti

Bibliografia

Cesari P. and Pellizzato M., 1985b. Molluschi pervenuti in Laguna di Venezia per apporti volontari o casuali. Acclimazione di Saccostrea commercialis (Iredale and Roughely, 1933) e di Tapes philippinarum (Adams and Reeve, 1850). Bollettino Malacologico, 21 (10-12): 237-274.;
Davenport J. and Wong T.M., 1992. Effects of temperature and aerial exposure on three tropical oyster species, Crassostrea belcheri, Crassostrea iradelei and Saccostrea cucullata. Journal of thermal Biology, 17 (3): 135-139.;
Mizzan L., (1998) 1999. Le species alloctone del macrozoobenthos della Laguna di Venezia: il punto della situazione. Bollettino del Museo Civico di Storia Naturale di Venezia, 49: 145-177.;
Ranson G., 1951. Les huîtres. Biologie-Culture. Savoir en Histoire Naturelle, v. 23. Lechevalier, Paris, 260pp.
Roustaian, P., 1994. Preliminary notes on reproductive biology of the edible oyster Saccostrea cucullata at Kohin, on the northeastern coast of the Persian Gulf. Journal of aquaculture in the tropics, Calcutta, 9(4): 329-334;
Streftaris, N., Zenetos, A. and Papathanassiou, E. (2005) Globalisation in Marine ecosystems: the story of non-indigenous marine species across European seas. Oceanography and Marine Biology: An annual Review 43 419-453;
Sukumar P. & Joseph M.M., 1988. Annual reproductive cycle of the rock oyster Saccostrea cucullata (von Born). pp. 207-210 In: Proceedings of the 1st Indian Fisheries Forum, Mangalore, Karnataka, 4-8 Dec. 1987.