Tu sei qui: Home / Specie / 110

Polydora colonia

classificazione
RegnoAnimalia
PhylumAnnelida
ClassePolychaeta
SottoclasseSedentaria
InfraclasseCanalipalpata
OrdineSpionida
SottordineSpioniformia
FamigliaSpionidae
GenerePolydora

dettagli specie su WoRMS

vista specie sulla mappa

Definizione

Polydora colonia
Nessuno

Descrizione

Gli Spionidae sono una famiglia che conta un grandissimo numero di specie nel mondo. Presentano due lunghi palpi con i quali raccolgono il film superficiale, ma all’occorrenza li usano anche per filtrare l’acqua. Le interessanti modalità alimentari di questi policheti sono state infatti oggetto di numerosi studi di morfologia funzionale. Sono policheti di piccole dimensioni che colonizzano soprattutto ambienti degradati più facilmente colonizzabili da specie esotiche. Il genere Polydora è caratterizzato dall’avere le chete del 5° chetigero modificate. Polydora colonia si riconosce proprio per la forma particolare di tali chete, ma anche per la presenza di chete modificate negli ultimi chetigeri.
Senza una particolare pigmentazione.
Polydora hoplura (Claparède, 1870).
Atlantico, Pacifico, Mediterraneo.
Polydora hoplura (Claparède, 1870), presenta chete posteriori simili, ma chete modificate del 5° chetigero diverse.
Sconosciuta.

Habitat

Fondi duri superficiali.
Sconosciute.

Distribuzione

Atlantico (Massachusetts, Carolina del Nord), Jamaica, Sud Africa, Nord Est Pacifico.
Oceano Atlantico.
Penisola Iberica (Aguirre et al., 1986).
Mare Adriatico, Torre Guaceto (Giangrande et al., in preparazione).
Sconosciute.
Rafting di adulti.
Anche se le piccole dimensioni delle specie appartenenti a questa famiglia sicuramente facilitano le vie di penetrazione indotte dalle attività umane, come nel caso ad esempio di P. cornuta, reperita in ambienti degradati quali porti, non sembra però essere il caso di P. colonia, in quanto questa specie colonizza ambienti di fondo duro di mare aperto, soprattutto con concrezioni di alghe calcaree. La via di penetrazione di questa specie potrebbe essere quindi lo stretto di Gibilterra. Se ne può anche ricostruire il percorso, dalle coste del Nord Est Atlantico, la Jamaica, le coste Iberiche e attualmente le coste italiane. Per il momento la sua presenza è puntiforme con solo quattro individui.
Sconosciuti
Sconosciute

Impatti

Sconosciuta

Riferimenti

Laboratorio di Zoologia Università del Salento
01/mar/10
Prof.ssa Adriana Giangrande

Bibliografia

Aguirre O., San Martin G., Baratech L. 1986. Presencia de la esoecie Polydora colonia Moore 1907 (Polychaetam Spionidae) en la costas espanolas. Misc. Zool. 10: 375-377.