Tu sei qui: Home / Specie / 11

Psenes pellucidus

classificazione
RegnoAnimalia
PhylumChordata
SottophylumVertebrata
SuperclasseGnathostomata
SuperclassePisces
ClasseActinopterygii
OrdinePerciformes
FamigliaNomeidae
GenerePsenes

dettagli specie su WoRMS

vista specie sulla mappa

Definizione

Psenes pellucidus
Cubiceps niger Nümann, in da Franca, 1957

Descrizione

Corpo compresso, peduncolo caudale sottile. Bocca estesa fino alla parte anteriore dell’occhio. Denti sulla mandibola piatti, simili a coltelli, e lunghi tre volte quelli piccoli e puntuti della mascella. Due pinne dorsali di cui la prima origina all’altezza dell’opercolo davanti all’origine delle pinne pettorali. Pinna caudale forcuta. Scaglie molto piccole ricoprono la base delle pinne dorsali e anale.
Da blu scuro a grigio bruno e porpora. Scuro sotto il margine delle pinne dorsali e sopra quello della pinna anale.
D1 IX-XII; D2 I-II,27-31; A III,26-31; P 18-20
800 mm
Centrolophus spp., Schedophilus spp., Cubiceps spp.
Una sola pinna dorsale in Centrolophus spp. e Schedophius spp.; origine della prima dorsale non anteriore all’origine della pettorale in Cubiceps spp.
Si nutre di zooplancton e pesci mesopelagici.

Habitat

Giovani epipelagici o mesopelagici, spesso sotto oggetti galleggianti. Adulti demersali, sulla scarpata continentale. In acque calde e temperate.

Distribuzione

Oceano Atlantico, Indiano e Pacifico occidentale.
Oceano Atlantico
Algeria, marzo 1948 (Dieuzeide e Roland 1955).
Stretto di Messina, ottobre 1992, Costa & Fanara (1994).
Migrazione attraverso lo Stretto di Gibilterra.
Recente colonizzatore.
Abbondante presenza di ctenofori e cnidari, fonte di alimentazione almeno per i giovanili.

Impatti

Riferimenti

01/dic/11
Dr. Luca Castriota

Bibliografia

Costa F. & Fanara P. 1994. Prima segnalazione nelle acque italiane di Psenes pellucidus Lütken 1880 (Pisces: Nomeidae). Ann. Ist. Mag. "Felice Biscazza" aa. 1993-93: 140-143
Dieuzeide R. & Roland J., 1955. Sur un Stromateidae nouveau du genre Cubiceps. Bulletin des travaux publiés par la station d'aquaculture et de pêche de Castiglione (n.s.) 7: 341-368.
Follesa M.C., Cabiddu S., Sabatini A., Cau A., 2006. First record of Psenes pellucidus (Perciformes, Actinopterygii) in the Sardinian waters (Central Western Mediterranean). Acta Ichthyologica et Piscatoria, 36 (1): 77-79
Maurin C., 1962. Etude des fonds chalutables de la Méditerranée occidentale (Ecologie et Péche). Résultats des campagnes des navires océanographiques Président-Théodore-Tissier (1957 et 1960) et Thalassa (1960 et 1961). Revue des Travaux de 1’Institut des Péches maritimes, 26(2): 163-218.
Maurin C., 1968. Ecologie ichthyologique des fonds chalutables atlantiques (de la baie ibéro-marocaine à la Mauritanie) et de la Méditerranée occidentale. Revue des Travaux de 1’Institut des Péches maritimes, 1: 1-147.
Navarra E., Cavallaro M., Morabito A., Di Natale A. 2007. Psenes pellucidus Lütken, 1880 (Pisces: Nomeidae): segnalazione di una cattura nello Stretto di Messina e del suo mantenimento in acquario. Biol. Mar. Medit. 14(2): 404-405
Quignard J.P. and Tomasini J.A., 2000. Mediterranean fish biodiversity. Biologia Marina Mediterranea, 7(3): 1-66.
Riera F., Grau A.M., Pastor E. and Pou S., 1995. Faunistical and demographical observations in Balearic ichthyofauna. Meridionalization or subtropicalization phenomena. In: La Méditerranée, variabilités climatiques, environnement et biodiversité, pp. 213-220, Actes du colloque Scientifique (Okeanos), Montpellier, France.
Spalletta B., Mento G., Costa F., Ammendolia G., Giordano D., Capecchi D., Berdar A., 1995. Importanza dello spiaggiamento nella raccolta di specie ittiche rare ed endemiche dello Stretto di Messina (cenni di parassitosi). Rivista di parassitologia 12/56: 279-297